Alimentazione

Il benessere femminile passa anche dalla tavola. Una dieta bilanciata deve soddisfare il fabbisogno giornaliero dei nutrienti e microelementi necessari per la salute. Il modo più semplice per garantire al proprio corpo le sostanze adeguate è variare il più possibile i cibi in tavola.

 Ecco qualche consiglio:

• Aumentate il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi, ricche di fibre, vitamine e antiossidanti

• Privilegiate il pesce azzurro e le carni magre: il primo è ricco di omega 3, che riduce il rischio di malattie cardiovascolari; le seconde (pollo e tacchino, coniglio) contengono meno grassi rispetto alle carni rosse

• Consumate i legumi, fonte importante di proteine vegetali (lenticchie, fave, ceci, fagioli ecc.)

• Limitate il consumo di insaccati (salame, mortadella, wurstel, salsicce) e preferite i salumi magri (prosciutto crudo, bresaola, speck)

• Optate per i formaggi freschi a basso contenuto di grassi (ad esempio la ricotta), da considerare sostitutivi della carne o del pesce. Evitate di consumarli a fine pasto

• Utilizzate oli vegetali, in particolare l’extra vergine di oliva, evitando i grassi da condimento di origine animale (burro, lardo, panna, strutto)

• Non dimenticate i cereali (pane, pasta, riso ecc.), meglio se integrali, ricchi di carboidrati e fonte indispensabile di energia

• Limitare l’utilizzo del sale, che aumenta la pressione arteriosa, sostituendolo con erbe aromatiche e spezie

• Non dimenticare latte e derivati, che forniscono calcio in forma facilmente assorbibile dall’organismo

• Riducete il consumo di dolci, ricchi di grassi e zuccheri

• Controllate il consumo di bevande alcoliche: consumate non più di 1-2 bicchieri di vino al giorno (solo durante i pasti)

Se l’alimentazione non è sufficiente per colmare eventuali carenze alimentari e alleviare i disturbi tipici della menopausa, in commercio esistono diverse soluzioni di integratori di vitamine e sali minerali, per arricchire la dieta di nutrienti come vitamina D, calcio e polifenoli.