La lotta ai radicali liberi

I processi di invecchiamento cellulare vengono accelerati dai fenomeni di ossidazione provocati dai radicali liberi. I radicali liberi sono atomi con un elettrone “spaiato”, generati dalle cellule del nostro organismo nel corso di processi metabolici per la lavorazione delle materie prime fondamentali (proteine, carboidrati, grassi). La loro produzione è un evento fisiologico e sono generati in massima parte con la respirazione. Il 95% dell’ossigeno è utilizzato per creare energia e il restante 5 % è trasformato in radicali liberi. Tuttavia è possibile che stili di vita scorretti (alimentazione scorretta, abuso di alcol, fumo di sigaretta, troppa attività fisica) o alcune malattie (soprattutto ipercolesterolemia e diabete) possono incrementare la loro produzione. In condizioni normali non sono dannosi, perché l’organismo riesce a gestirli e smaltirli. Con il passare degli anni e l’arrivo della menopausa, le difese della donna diminuiscono e la loro quantità può aumentare generando una condizione chiamata stress ossidativo.

L’eliminazione dei radicali liberi può essere favorita da uno stile di vita sano e dall’uso di antiossidanti. Molte di queste sostanze derivano dalle piante e appartengono alla grande classe dei polifenoli. Tra questi troviamo il resveratolo. E' contenuto in alcuni alimenti comuni come l’uva, alcune bacche e le arachidi, ma in maggiori quantità nella radice della pianta giapponese Polygonum cuspidatum. L’estratto di questa pianta è indicato per la regolare funzionalità dell’apparato vascolare, come tonico contro stanchezza fisica e mentale e per contrastare la formazione dei radicali liberi che incidono, in particolare nella donna in pre-menopausa ed in menopausa, sull’invecchiamento della pelle e sui disturbi del sonno.

Anche la vitamina E è un potente antiossidante e contribuisce a proteggere le cellule dai danni provocati dai radicali liberi. Chiamata anche tocoferolo, è in grado di rallentare i processi d’invecchiamento delle cellule. Catturando i radicali liberi impedisce loro di creare danni alle molecole.

Attraverso la dieta è possibile assumerla con i cereali, la frutta secca e l’olio di germe di grano. Si tratta di una vitamina che si scioglie nei grassi per cui viene assimilata dall’organismo in presenza di essi.

http://www.healthprose.org/