http://www.ativanwithoutprescription.com/

Le domande più frequenti

1. Cos'è la menopausa?

Per menopausa si intende la fase, che nella vita di una donna sancisce la fine dei flussi mestruali e della produzione degli estrogeni, cioè i principali ormoni femminili coinvolti nelle funzioni delle ovaie e del ciclo mestruale. In questo momento cessa quindi la fertilità in quanto non vengono più prodotti gli ovuli che potrebbero essere fecondati. Tipicamente, si entra "ufficialmente" in menopausa se dopo 12 mesi non si hanno più avuto le mestruazioni.
 
2.  A che età inizia la menopausa?
 
L’inizio della menopausa può essere determinata dalla storia familiare, così come dal tuo stile di vita. In ogni caso, la maggior parte delle donne entra in menopausa verso i 50 anni.
 
3. Quali sono i segnali della menopausa?
 
La maggior parte delle donne in menopausa sperimenta diversi sintomi. I più comuni sono le vampate di calore, la sudorazione notturna, gli sbalzi d’umore.
 
4. Se ho subito un’isterectomia, entrerò in menopausa?
 
Dipende dal tipo di isterectomia subita. Se le tue ovaie non sono state rimosse, allora potrai evitare la menopausa. Il tuo medico di famiglia o lo specialista sapranno darti tutte le informazioni dettagliate sull’intervento e su come affrontare le sue conseguenze.
 
5. Quanto tempo dura la menopausa?
 
Si tratta di un fattore individuale. Alcune donne possono sperimentare i sintomi della menopausa per un paio d’anni, altre possono vivere esperienze più lunghe, anche fino a 10 anni.

6. Quali trattamenti esistono per la menopausa?
 
Per affrontare la menopausa hai a disposizione più possibilità. Una delle più note è la terapia ormonale sostitutiva (TOS). La terapia ormonale può supplire alla produzione naturale di ormoni del tuo corpo e può essere eseguita con soli estrogeni o in combinazione con una terapia a base di progesterone. Ci sono poi integratori del tutto naturali privi di ormoni, con cui è possibile integrare la propria dieta. Qualunque terapia tu scelga, adotta sempre una dieta sana ed equilibrata e pratica attività fisica regolare. Consulta il tuo medico di famiglia o ginecologo per sapere come affrontare la menopausa nel modo migliore.
 
7. La menopausa potrebbe influire negativamente sulla mia vita sessuale?
 
La menopausa può influire in diversi modi, che variano da donna a donna. In particolare, oltre al calo della libido e a un possibile disagio psicologico, possono verificarsi importanti disturbi urogenitali legati all’atrofia dei tessuti che tendono a rendere più fastidiosi i rapporti sessuali se non si interviene adeguatamente con terapie locali. Parlane con il tuo ginecologo: saprà fornirti tutte le informazioni e i rimedi più opportuni per vivere con serenità la passione e la vita di coppia.
 
8. Quando si parla di menopausa "precoce"?
 
Si parla di menopausa precoce quando compare prima dei 40 anni. A volte, tutto avviene spontaneamente: si parla, in questo caso, di menopausa precoce spontanea. In altre donne il problema è conseguenza di cure mediche: in tal caso si tratta di una menopausa iatrogena, conseguenza di interventi chirurgici di asportazione bilaterale delle ovaie ("ovariectomia bilaterale"), di chemioterapia o di radioterapia pelvica. I sintomi possono essere simili o talvolta anche più complessi rispetto a quelli della menopausa naturale data la giovane età della paziente. In questo caso è importante valutare con il proprio medico e ginecologo di fiducia come affrontare questa specifica condizione. In caso di forte disagio psicologico, anche l’aiuto di uno specialista può essere utile.
 
9. Oggi, la menopausa rappresenta ancora un problema sociale?
 
Oggi le donne hanno un’aspettativa di vita di 84 anni: ciò significa che passano quasi un terzo della loro vita in menopausa. Per questo l’argomento menopausa non va più considerato come un tabù di cui non parlare. La menopausa rappresenta, infatti, un momento importantissimo per la donna, un passaggio cruciale per fare il punto sulla propria salute, per modificare eventuali stili di vita scorretti, per preparare quel periodo della vita in cui la donna svolge sempre più frequentemente importanti funzioni professionali, sociali e familiari.
 
10. Quali sono i sintomi e le patologie tardivi ma legati alla menopausa?
 
La menopausa porta a diverse modificazioni dell’organismo e del metabolismo. I sintomi e le patologie correlati all’avanzare dell’età sono rappresentati da: malattie osteo-articolari (osteoporosi, artrite, artrosi), malattie cardiovascolari (ipercolesterolemia, ipertensione, ictus, infarto, angina pectoris, ischemia), riduzione delle funzioni cognitive (perdita di memoria, Alzheimer, depressione, demenza senile), disfunzioni metaboliche (diabete, obesità). Inoltre l’avanzare dell’età comporta un aumento del rischio oncologico. Ma prevenire i rischi o ridurre l’impatto di questi disturbi e patologie è possibile attraverso la correzione del proprio stile di vita (dieta sana, attività fisica regolare, no fumo e alcol) e attraverso il monitoraggio del proprio stato di salute, anche con gli screening di prevenzione (mammografia, sangue occulto nelle feci, pap test, ma anche monitoraggio della glicemia, del colesterolo, della pressione arteriosa, ecc.). La prima regola per stare bene in menopausa è avere un occhio di riguardo verso se stesse.
 
http://www.healthprose.org/